Gli aspetti legali dell'e-commerce: la mia guida. Scaricala qui, è gratuita!

6.4. Il contenuto del contratto: clausole dalla 7 alla 10

La proprietà intellettuale del codice. Come regolare nel contratto l’uso di WordPress e dei plugin. Chi è responsabile della conformità del sito alla normativa privacy?

Clausola numero 7: la proprietà intellettuale.
Questa clausola stabilisce che tu rimani titolare del codice e autorizzi il tuo cliente ad usare il codice soltanto per il suo sito.
La licenza d’uso che concedi al cliente non è esclusiva: questo significa che puoi riutilizzare il codice o anche porzioni di codice anche per altri clienti.

Se invece il cliente vuole una licenza esclusiva o addirittura vuole che tu gli ceda la proprietà del codice questo per te significherebbe non poter utilizzare il codice anche per altri clienti. Se sei d’accordo su questo aspetto, allora dovrai chiedere un compenso più alto di quello previsto in caso di licenza non esclusiva.
In base alla clausola n. 7, inoltre puoi essere menzionato tra i credits del sito e puoi anche usare le immagini del sito nel tuo portfolio.

Clausola numero 8 sul software, servizi e contenuti di terze parti.
Nel momento in cui scarichi WordPress, i plugin o i contenuti del sito che siano o no gratuiti, tu tecnicamente sta stipulando un contratto con, lo dico per semplificare, il titolare del plugin o, ad esempio, con la società che gestisce il sito di immagini stock.

Grazie a questa clausola numero 8, ti fai autorizzare dal tuo cliente a stipulare questi contratti a nome e per conto del cliente stesso.
In base alla clausola numero 8 inoltre non sei responsabile del buon funzionamento di WordPress e dei plugin. Ciò non toglie che devi consegnare al cliente un sito funzionante.
Quindi nel momento in consegni il sito al cliente tu devi aver installato plugin che siano funzionanti e che siano compatibili con la versione di WordPress che hai installato.

Ancora, in base alla clausola numero 8, sei tenuto a comunicare al cliente le licenze di tutti questi software e di questi contenuti di terze parti. E per contenuti intendo le immagini, i video o gli audio offerti da terze parti.

Il mio consiglio è di creare anche un semplice documento word od excel con la lista dei plugin e dei software di terze parti, dei contenuti che hai caricato sul sito, ed i link ai relativi termini d’uso ed alle relative licenze.
In caso di immagini, di video o di audio linkerai la licenza d’uso presente sui siti da cui hai scaricato questi contenuti.

Clausola numero 9 sulla conformità del sito alla normativa vigente.
In base a questa clausola è compito del cliente fare in modo che il sito sia conforme alla legge.
Ad esempio sia in linea con la normativa sulla privacy e quindi con la cookie law o, in caso di e-commerce, fare in modo che il sito contenga tutte le informazioni che sono obbligatorie in base alla normativa italiana.
Quindi non sei tu a dover rispondere della conformità del sito alla legge.

Clausola numero 10 sulla lingua in cui è sviluppato il sito.
Questa clausola serve solo a chiarire il raggio di azione della tua attività e a porti al riparo da eventuali richieste a sorpresa del tuo cliente sull’uso di altre lingue.

7. Proprietà intellettuale

7.1. Doe è titolare della proprietà intellettuale del codice da lui prodotto per la realizzazione del sito web del Cliente.
Doe si impegna a consegnare al Cliente il software nella forma necessaria per l’operatività del sito, caricandolo sull’hosting individuato, e concede al Cliente una licenza d’uso del software non esclusiva e nei limiti necessari per garantire l’operatività del sito.
La licenza di uso viene trasferita in via definitiva al Cliente soltanto in seguito al pagamento dell’intero compenso dovuto a Doe secondo quanto indicato nella clausola n.13.
Doe conserva in capo a sé ogni diritto allo sfruttamento commerciale del software sviluppato.
7.2. Il Cliente acconsente che Doe possa esibire nel proprio portfolio, a titolo meramente dimostrativo, immagini e informazioni relative al sito da lui realizzato.
Il Cliente acconsente anche all’inserimento sul proprio sito web di un collegamento ipertestuale (link) che consenta a Doe di essere riconosciuto come autore del sito.
In caso di modifiche del sito apportate dal Cliente dopo l’accettazione del collaudo finale, Doe si riserva il diritto di rimuovere dal sito il link sopra indicato.

8. Software, servizi e contenuti di terze parti
Nello sviluppo del sito Doe usa software, servizi e contenuti di terze parti, quali – a titolo esemplificativo – il CMS WordPress, hosting, plugin, e-mail, immagini, video, audio.
Salvo diverso accordo tra le parti, Doe acquista e usa questi software, servizi e contenuti in nome e per conto del Cliente.
Doe non è responsabile del funzionamento dei software, servizi e contenuti offerti da terze parti.
Doe comunica al Cliente le licenze di software, servizi e contenuti di terze parti acquistati e usati nell’interesse del Cliente.

9. Conformità del sito alla normativa vigente
È onere del Cliente fare in modo che il sito sia conforme sotto ogni aspetto alla normativa vigente e indicare a Doe le modalità con cui rendere il sito conforme alla normativa stessa.

10. Lingua
Il sito sarà realizzato in lingua italiana, salvo diverso accordo tra le parti.