Gli aspetti legali dell'e-commerce: la mia guida. Scaricala qui, è gratuita!

5. La struttura del contratto

Il contratto può essere composto da più documenti. Separare il preventivo dalle condizioni generali del contratto offre alcuni vantaggi. Tra le altre cose ti fa perdere meno tempo e riduce la possibilità di errori da parte tua.

Il contratto è un accordo il cui contenuto può essere distribuito su più documenti.
Il mio suggerimento è di presentare al cliente un contratto che è composto da almeno due documenti:

Il primo è il preventivo che io chiamo “proposta del servizio”.
Il secondo documento sono le condizioni generali del servizio di progettazione e sviluppo del sito web; più brevemente, le condizioni generali del servizio.

Nel preventivo indicherai una serie di informazioni tra cui i tuoi dati, quelli del cliente, la descrizione del servizio che offri al cliente, i tempi di realizzazione del sito, l’importo del tuo compenso e le modalità di pagamento.
Alcune clausole del secondo documento, ossia delle condizioni generali del servizio contengono dei rimandi al preventivo.

Ad esempio, nelle condizioni generali, nella clausola relativa al tuo compenso è scritto che il tuo compenso è indicato nel preventivo.
Fai attenzione a questi rimandi, in modo tale da sottoporre al tuo cliente un preventivo che comprenda anche gli elementi che sono richiamati nelle condizioni generali del servizio.

Appunto, il secondo documento che compone il tuo contratto è costituito dalle condizioni generali del servizio.
In questo documento sono indicate le varie regole relative al rapporto tra te ed il tuo cliente: dalla consegna dei materiali alla proprietà intellettuale dal recesso alla legge applicabile al contratto.

Avere due documenti di questo tipo, separati tra loro offre un vantaggio:
il contenuto del preventivo è variabile, infatti cambia a seconda del cliente che hai di fronte.
Invece, il contenuto delle condizioni generali è pressoché fisso; cioè non muta a seconda del cliente che hai davanti, a meno che, ovviamente, non ci siano particolari esigenze tue o del tuo cliente.
In questo modo ogni volta che hai un nuovo cliente tendenzialmente dovrai mettere mano solo al preventivo: questo significa meno lavoro “burocratico” da fare e meno possibilità di commettere errori, anche di copia e incolla.
In definitiva, meno noie per te.

Quindi, ricapitolando il tuo contratto è composto da due documenti:
1) il preventivo e 2) le Condizioni generali del servizio.

Il tuo contratto però può essere formato da ulteriori documenti.
Ad esempio, puoi indicare le specifiche tecniche del sito da realizzare non nel preventivo ma in un documento separato (che potrai chiamare come ti pare, anche specifiche tecniche o requisiti tecnici del sito).

Se crei un ulteriore documento, l’importante è che questo documento sia richiamato nelle condizioni generali del servizio, in modo che, come si dice in gergo legale, questo documento costituisca parte integrante del contratto.