Gli aspetti legali dell'e-commerce: la mia guida. Scaricala qui, è gratuita!

Il contratto di locazione abitativa per studenti universitari

Quali sono le clausole a cui fare attenzione? E la comunicazione alla Questura non è più necesaria.

Anche per il contratto di locazione abitativa per studenti universitari si può fare lo stesso discorso affrontato per il contratto di locazione a canone libero e quello transitorio. Nel senso che i modelli reperibili su internet non sono aggiornati e sono quasi sempre frutto di un pigro copia e incolla che lascia abbastanza perplessi.

La clausola in materia di certificazione energetica

Ovviamente, nessuno dei modelli che si trovano nelle prime pagine di ricerca su Google contiene la clausola di attestazione da parte del conduttore di aver ricevuto le informazioni e la documentazione relativa alla prestazione energetica dell’immobile locato, come invece previsto dal recente decreto legge n. 63/2013 convertito in legge proprio ieri, 1 agosto.

Tra l’altro, il fatto che sia ora imposto alle parti di inserire nel contratto tale clausola conferma indirettamente che anche per i contratti per gli studenti universitari, al pari di quelli di natura transitoria (con durata da 1 a 18 mesi), l’obbligo di usare esclusivamente i modelli allegati al decreto ministeriale del 2002 sia di carattere sostanziale e non formale: potete cioè usare anche modelli diversi da quelli allegati al decreto (o fornito dai Comuni), purché vengano rispettate le clausole che lo contraddistinguono rispetto agli altri. Ossia, quelle in materia di durata del contratto (da 6 mesi a 3 anni), di recesso del conduttore, di canone (concordato) ed ovviamente anche la clausola relativa alla persona conduttore, che deve essere un universitario (o un gruppo di universitari) non residente nel Comune in cui si trova l’immobile.

Le clausole vessatorie

Anche sotto questo profilo i modelli trovati su internet non brillano di certo per precisione. Infatti, come notato in un altro articolo, è insensato un contratto come questo – identico a quello proposto da tanti Comuni tra cui quello di Milano – in cui le vengono reputate vessatorie ben 17 clausole su 23.
Ed oltre che insensato è anche pericoloso, vista la concreta possibilità che il giudice reputi non efficaci quelle clausole realmente vessatorie.

La comunicazione alla Questura

No, non è più obbligatoria la comunicazione dell’avvenuta locazione alla autorità locale di pubblica sicurezza: le note riportate in calce ai vari modelli sono state infatti abrogate (sempre che il conduttore non sia un cittadino extracomunitario).

Ecco che anche per il contratto di locazione abitativa per studenti universitari, vi rimando al modello che ho redatto, insieme alla guida per una più agevole compilazione del contratto.

Articoli simili