Gli aspetti legali dell'e-commerce: la mia guida. Scaricala qui, è gratuita!

Contratti per imprese e freelance.

Un buon contratto aiuta voi e il vostro cliente a raggiungere i vostri obiettivi e a prevenire possibili rischi. Lo fa perché indica in modo chiaro chi è tenuto a fare cosa, quando è tenuto a farlo e cosa succede se non lo fa.

Contattami

Che voi siate un’impresa o un freelance, la vostra attività ha bisogno di un contratto che stabilisca le regole del rapporto con i vostri clienti.

Un contratto scritto male è un pericolo per la vostra attività

Spesso ci si accontenta di un contratto scritto in modo contorto e infarcito di legalese incomprensibile; copiato e incollato da un competitor; scaricato da chissà quale sito, senza sapere chi lo ha scritto (ne aveva le competenze?) né quando (il contratto è aggiornato?).
Un contratto del genere non protegge la vostra attività ma la espone a inutili rischi e complica inutilmente il rapporto tra voi ed il vostro cliente.

Com’è fatto un buon contratto?

Perché un buon contratto è un contratto scritto in un linguaggio chiaro: comprensibile non al vostro avvocato ma soprattutto a voi che firmate quel contratto e che dovete mettere in pratica tutti i giorni nella vostra attività imprenditoriale e professionale quanto stabilito in quel contratto.

Un buon contratto indica in modo chiaro quali sono i diritti e doveri di entrambe le parti e indica senza ambiguità chi è tenuto a fare cosa, quando è tenuto a farlo e cosa accade se non lo fa. Un buon contratto è scritto dopo aver analizzato le vostre esigenze, i vostri obiettivi, le vostre paure, i problemi che avete incontrato nella pratica giornaliera dei rapporti con i vostri clienti.

Un buon contratto fa bene al vostro business

Un buon contratto vi aiuta a raggiungere i risultati che vi siete prefissati quando lo avete firmato. Vi protegge dai rischi che presenta la vostra attività imprenditoriale o professionale.

Contattami

Cosa faccio

  • Scrivo contratti per imprese che operano nel digitale. Ad esempio, il contratto di cloud computing, il contratto di hosting, il contratto di sviluppo o licenza d’uso del software, il contratto di manutenzione, il contratto di assistenza.
  • Scrivo anche contratti più tradizionali per le imprese. Dal contratto di distribuzione, al contratto di appalto, dal contratto di somministrazione al contratto di sponsorizzazione.
  • Scrivo contratti per freelance. Che operano oppure no nel campo dell’IT e del web: dal social media manager al consulente marketing, dal copywriter al web designer.
  • Revisiono contratti esistenti: li rendo conformi alla normativa applicabile, ne curo il linguaggio, traducendo il legalese in un italiano più comprensibile.

Come lavoro

Online, soprattutto. In questo modo i miei clienti possono ricevere la mia consulenza e i documenti di cui hanno bisogno in maniera semplice e rapida, senza muoversi dal proprio ufficio. Cosa significa, in pratica?

  1. Pongo alcune domande sulla vostra attività e le vostre esigenze tramite un documento che condivido con voi su Google drive, iCloud, Dropbox Paper, a vostra scelta.
  2. Sempre su Google drive, iCloud o Dropbox Paper scrivo una bozza del documento che vi invito a commentare – nel senso di indicarmi eventuali modifiche da apportare o dubbi – direttamente sul documento condiviso.
  3. Se necessario, analizziamo insieme via Skype la versione eventualmente rivista del documento.
  4. Consegno via mail la versione finale del documento nel formato che mi avete indicato, come .doc, .pages, .pdf.

Quanto costa

Ogni contratto è diverso dall’altro perché ogni cliente è diverso dall’altro. Questo è, in linea di massima, il mio compenso per alcuni tipi di contratto.

  • A partire da 700 euro: contratto di sviluppo software.
  • A partire da 700 euro: contratto di hosting.
  • A partire da 500 euro: contratto di consulenza per social media manager.

Contattami